Nel settore delle costruzioni è in atto un profondo processo di trasformazione che riguarda sia i modelli insediativi sia la qualità dell'abitare, sempre più improntati a principi di efficienza energetica e di eco-compatibilità. 

A partire dalla fine del 2020, tutti i nuovi edifici costruiti in Europa dovranno essere conformi a standard più elevati di risparmio energetico e dovranno essere alimentati, in larga misura, con fonti di energia rinnovabile. 

Parallelamente dovrà essere ridotta la spesa energetica degli immobili esistenti, migliorando le prestazioni energetiche di involucro e impianti in occasione di lavori di ristrutturazione. La valutazione dei dati di consumo e dei relativi vettori utilizzati fornisce un quadro della situazione che consente di stimare un potenziale di risparmio che può arrivare ad oltre il 25% dei consumi finali di energia del settore. 

Riguardo al miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici, nel nostro Paese è già in atto una incisiva azione legislativa a livello Governativo, Regionale e Locale, che si muove in una duplice ottica: generare apprezzabili risparmi energetici e aprire nuove e importanti possibilità di mercato.


Powered by Web Italia: Creazione siti web